giovedì, giugno 28, 2007

Installazione di Ubuntu: due video divertenti

Un mio carissimo collega, dopo aver acquistato un nuovo portatile Dell, si è affidato alla mia secolare esperienza (lol lol!) sui sistemi GNU/Linux per entrare anch'egli a far parte della grande nonchè amorevole setta dei Seguaci del Re Pinguino.

Dopo aver zappato via con eleganza uindousvista (la cui esistenza sull'harddisk è durata esattamente un giorno e mezzo), si è provveduto a procedere con l'installazione di Ubuntu 7.04 "Feisty Fawn".

Durante la fase iniziale, però, si sono presentati alcuni piccoli incidenti di percorso, principalmente dovuti al fatto che la risoluzione del monitor non è tra quelle standard, e i driver ATi open source non funzionavano neanche provando a sacrificare un capretto in onore del Dio Stallman.

A seguire, dunque, due simpatici video che testimoniano con dovizia l'ardua impresa:




7 commenti:

Luigi ha detto...

poretto.. ma non riuscivi proprio a impostare la risoluzione al boot?
A sto punto meglio installarlo dalle ncurses :-D

Gush ha detto...

Fottutissime schede ATI... maledette...

l3g3nd4ry ha detto...

Scarica la iso "alternative". Comunque: w le schede nvidia che hanno un supporto decente per il pinguino!

la volpe leggendaria -- volpe.mine.nu

desy ha detto...

ma che gli hai messo la risoluzione di un cellulare? divertentissime le facce a guardare i video senza audio! LOL

Carlo ha detto...

LOOOL! hai dimenticato di citare lo schifo che sVista aveva fatto su quel disco, geometria e tabella delle partizioni completamente spanate... e che siamo riusciti a risolvere grazie al famigerato comando dd (da quel giorno noto come double-destroy)... :D

hs1 ha detto...

Bellà lì. La voce che hai fatto nel video era lollissima ma credo ti sia costata un paio di corde vocali.
Se ti sbrighi forse te le riattaccano :)

[*Admin*] ha detto...

Ciao sono L'admin di Technomhz.com e di CenterZone.it se sei interessato a scrivere di tecnologia, Software, Computer, Hardware, Videogiochi, Telefonia etc.. partecipa al progetto Technomhz Projetct Open .

per Info: www.technomhz.com